logo

Dove Siamo

  • gioielleria Imola
  • Indirizzo: via Imola Centro, 1
  • Provincia: BO
  • Città: Imola
  • Cap: 40026

Gioielleria Imola

featured image

Hai un negozio di gioielleria a Imola? Abbiamo uno spazio web che fa al caso tuo!

Contattaci per avere maggiori informazioni.

Con uno spazio web personalizzato puoi far conoscere a tutti la tua gioielleria a Imola con le collezioni di gioielli dei migliori brand per idee regalo davvero originali.

Contattaci





In zona puoi trovare anche:

STROILI ORO SPA

VIALE GIOVANNI AMENDOLA, 126
40026IMOLA (BO)

Tel. 0542626962

CYNTHIA DI CINZIA TURCI GIOIELLI IN PIETRA DURA

VIA EMILIA, 213
40026IMOLA (BO)

Tel. 054230020

SPADA ALBERTO

VIA GIUSEPPE MAZZINI, 59
40026IMOLA (BO)

Tel. 054230704

NUOVE GIOIE DI CASSANI VENUSTA E C. SNC

VIA GIUDEI, 16
40026IMOLA (BO)

Tel. 054234448

GIOIELLERIA BALDUCCI

VIA EMILIA, 152
40026IMOLA (BO)

Tel. 054223593

RIFLESSI

VIA GIUSEPPE MAZZINI, 28/D
40026IMOLA (BO)

Tel. 054223383


Gioielleria a Imola

La gioielleria di Imola è un negozio che offre la vendita di gioielli e pietre preziose incastonate in oggetti di vario genere come bracciali, orecchini, parure, collane, anelli, orologi, ciondoli, accessori e bomboniere, adatti per ogni occasione. Solitamente, nelle gioiellerie si trovano gioielli di valore in argento e oro bianco, giallo e rosso, con diamanti e gemme, da regalare per eventi speciali come fedi nuziali, anelli da fidanzamento, bomboniere per battesimi, matrimoni e comunioni, braccialetti per nascita e battesimo e tanti altri ancora.

Le gioiellerie è colui che si occupa della gioielleria a Imola, ovvero alla produzione e/o al commercio di gioielli, e può specializzarsi in altre attività diventando anche orafo, incastonatore, diamantaio, argentiere, medaglista, incisore e lapidario. L’arte orafa, ad esempio, è un’attività strettamente correlata con il mondo della gioielleria in quanto riguarda la lavorazione dei metalli preziosi, come oro e argento, per creare oggetti artistici, in questo caso i manufatti usano i metalli per creare gioielli con pietre incastonate.

L’originalità e la qualità dei gioielli realizzati in modo artigianale fanno di essi un oggetto raro e unico nel loro genere e di sicura bellezza, che li rendono adatti per personalizzare ogni stile: oggetti che bisogna conoscere per saperli indossare e creare i giusti abbinamenti.

Trova il negozio di gioielleria a Imola che fa per te dove potrai trovare idee preziose da regalare o farti regalare per un evento speciale o semplicemente da indossare per completare il tuo look!

Qualche informazione su Imola

Imola è uno dei più grandi comuni della provincia di Bologna, con i suoi quasi 70mila abitanti, ed è famosa nel mondo non solo per il turismo e per l’arte, ma anche per la presenza dell’autodromo, intitolato a “”””Enzo e Dino Ferrari””””, che ora non ospita le gare di Formula 1, ma in passato è stato teatro di avvincenti duelli con protagoniste proprio le “”””rosse”””” di Maranello.

Raggiungere Imola è facilissimo sia attraverso l’autostrada adriatica, che in treno, ed anche in aereo, dati i soli 30 chilometri di distanza da Bologna. Imola è anche una delle città della ceramica, con una importante Cooperativa, che produce pavimenti in gres porcellanato, ed è attualmente il gruppo “”””leader”””” in Italia in questo settore.

Tra le cose da vedere durante una visita a Imola, c’è sicuramente la Rocca Sforzesca, risalente al “”””Duecento”””” che al suo interno ospita sia un allestimento di ceramiche medievali di grande prestigio, che una collezione di rare armi antiche. Inoltre, si può passeggiare sui suoi “”””camminamenti”””” gustando un panorama a 360° che offre la visione sia dell’Appennino che della pianura che circonda la città. Molti sono anche i palazzi nobiliari che si trovano nel suo centro storico, che in gran parte sono aperti per le visite al pubblico. Tra questi il più suggestivo è sicuramente Palazzo Tozzoni, con le sue cantine nelle quali si trova una collezione di attrezzi e strumenti legati alla civiltà contadina; nei piani superiori, invece, si trovano degli arredi splendidamente conservati. Di grande interesse è anche il Museo di San Domenico, che si trova nel chiostro di un ex convento, quello dei Santi Nicolò e Domenico, situato vicino all’omonima chiesa. In questo museo sono ospitati sia la sezione archeologica del Museo “”””Giuseppe Scarabelli””””, che la Pinacoteca Civica nella quale si trovano opere di maestri di epoche diverse, come Bartolomeo Cesi, Innocenzo da Imola, De Pisis e Guttuso.

Le origini dei gioielli

Il gioiello, sin dall’antichità, ha avuto un ruolo primario per l’uomo, ovvero quello di adornare, dare prestigio e importanza alla persona che lo indossava. I primi oggetti come denti di pesci, conchiglie o zanne di mammut erano creati dal lapidario, colui che all’epoca intagliava e levigava le pietre, e risalgono a circa 20.000 anni a.C.

Nell’antico Egitto questi oggetti assunsero funzioni diverse e ben presto divennero simboli di bellezza, potere, superstizioni e magie o protezioni contro il male e le malattie, come la sterilità femminile. Gli Egiziani iniziarono a fondere l’oro con forni alimentati ad aria per poter adornare i loro corpi unendo sacro, profano e bellezza estetica. In questo periodo si sviluppano anche le prime tecniche di lavorazione dell’oro, come quella della cera persa per creare gioielli unici.

Con l’evolversi delle tecniche cambiano anche mode e gusti. Nel 3000 a.C., ad esempio, i Sumeri sviluppano la granulazione, un’altra tecnica per creare ornamenti con minuscole sfere saldate, che fu ripresa più tardi anche dagli Etruschi. Nascono così i primi manufatti creati con materiali diversi dall’oro, come pietre, smalti e ceramiche, per realizzare anelli ricercati e raffinati. In epoca romana, si diffuse l’uso dell’anello, non solo come talismano, ma anche come simbolo di fidanzamento.

Nel Medioevo i gioielli assumono la funzione di protezione. Il passaggio dal sacro al profano si ha nel XV secolo con il re di Francia, Carlo VII, che, innamorato perso di una nobildonna, le regalò gioielli e diamanti a non finire. Nasce così la figura del gioielliere, che non crea solo gioielli per i re e oggetti sacri, ma anche gioielli per le classi nobili.

Le tecniche di lavorazione dell’oro

Le tecniche di lavorazione dell’oro nacquero, come abbiamo già accennato, in tempi antichissimi. Si passa dai primi metodi di cesellatura e sbalzo ai primi orafi apparsi in Egitto, Grecia e Italia, che realizzano oggetti unici e originali.

L’oro è un metallo duttile, facile da lavorare, e oltre alla sua lavorazione, si possono fondere ad esso anche altri metalli, come argento e platino: questa tecnica è chiamata alligazione, ovvero la preparazione della lega metallica, attraverso la quale l’oro è allegato con altri metalli come nichel, zinco, argento, rame e palladio per ottenere il colore che si desidera.

L’orafo, oltre alle classiche tecniche della forgiatura e della fusione, conosce metodi più all’avanguardia per la realizzazione di oggetti unici, come:

  • il metodo del niello, una tecnica che usa appunto il niello, una polvere ottenuta dalla fusione di argento, rame, piombo e zolfo per realizzare le incisioni;
  • la smaltatura, applicazione di smalto sulla parte metallica, che una volta fuso, creerà una graziosa decorazione per effetto del calore;
  • la goffratura, per creare disegni a rilievo su lamine d’oro o di altri metalli;
  • l’incisione (cesellatura) su oggetti d’oro con il cesello, un arnese per lavorare i metalli;
  • la granulazione, un metodo antico per creare piccole sfere sul metallo;
  • la decorazione a filigrana, una tecnica molto delicata per ottenere una decorazione ad effetto pizzo;
  • il cloisonné, in italiano scomparto, consiste nel saldare strisce o fili d’oro formando degli scomparti che verranno riempiti di smalto;
  • il basse-taille, una tecnica di bassorilievo, simile al cloisonné, che si usa sulle superfici degli scomparti riempiti poi con smalti.

Nelle migliori gioiellerie di Imola trovi gioielli di ogni tipo e per ogni ricorrenza, pezzi unici di grande pregio per immortalare momenti speciali.

I metalli preziosi

I metalli più usati dalle gioiellerie di tutto il mondo, come anche quelle di Imola, sono l’oro, l’argento, il platino e il titanio.

L’oro. Tra tutti i metalli, rimane in assoluto il metallo più utilizzato e pregiato per creare gioielli in quanto è più adatto ad essere plasmato; anche allo stato puro conserva la sua lucentezza, bellezza e resistenza alle corrosioni. Di solito, l’oro viene fuso ad atri metalli per potenziare la sua resistenza e si compone di leghe di altri metalli per ottenere il colore desiderato ed essere decorato. Con il termine carato si indica il grado di purezza dell’oro, che appare sui gioielli con il simbolo k.

L’argento. Questo metallo viene estratto dai filoni di argentite e risale a circa 500 anni fa. L’argento puro è più leggero dell’oro e del platino, per questo viene fuso con altri metalli, come il rame, per conferirgli maggiore resistenza e durezza. Grazie alle sue caratteristiche, l’argento, trova largo impiego nella produzione di oggetti d’arte, bigiotteria, stoviglie e posate.

Il platino. È il metallo più raro, puro e spesso che esista in natura. Ha raggiunto la sua grande popolarità durante la Rivoluzione Francese, grazie al re Sole Luigi XIV, tanto da essere considerato l’unico metallo degno di un re. Grazie alla sua durevolezza e purezza, il platino viene molto usato nella lavorazione dei gioielli.

Gioielli adatti ad ogni occasione

Le creazioni di gioielli su misura nascono e restano pezzi unici e originali accompagnati da una garanzia che certifica qualità e autenticità del gioiello: capolavori d’arte di assoluta raffinatezza ed eleganza curati nei minimi dettagli, dal design inimitabile.

Come scegliere il giusto abbinamento. I gioielli fanno parte del nostro look, lo completano e lo impreziosiscono, conferendo classe e personalità, sia a uomini che a donne. Se decidi di indossare abiti in tonalità neutre, puoi indossare gioielli più colorati, come bracciali, orecchini e anelli, in tonalità accese, per un tocco di vivacità.

I gioielli devono essere anche abbinati tra loro per evitare un mix di metalli e colori vivaci che conferiscono un tocco poco elegante. A seconda dell’occasione, è possibile scegliere il gioiello più adatto: i gioielli che indossi la mattina saranno diversi da quelli che userai la sera. Per esempio, in occasione di feste, se il tuo vestito è già particolarmente colorato, puoi decidere di indossare un gioiello semplice, come un punto luce; al contrario, se indossi un tubino nero, puoi azzardare un gioiello vistoso e colorato, come una collana. Al lavoro, invece, per i tuoi outfit formali e classici, scegli sempre bracciali e orecchini sobri e poco vistosi.

Ricorda che il gioiello nasce per farti sentire a proprio agio in ogni occasione e per arricchire ed abbellire il tuo look, donandoti classe, stile e raffinatezza, senza essere mai volgari.

Se anche tu hai bisogno di un gioiello su misura per un’occasione speciale o stai cercando un oggetto da regalare per una ricorrenza importante, rivolgiti alla gioielleria a Imola.